News

L’alopecia androgenetica: patogenesi, manifestazioni cliniche e terapia


Scritto da dott. Antonio Soverina

 

L’alopecia androgenetica è una condizione morbosa cronica caratterizzata dalla progressiva superficializzazione, depigmentazione e miniaturizzazione dei follicoli dei capelli che esita nella totale atrofia degli stessi.Il nome è stato coniato da Ludwig, dermatologo tedesco, che la definì “androgenetica” dai principali fattori patogenetici della malattia: gli ormoni androgeni e l’ereditarietà.

L’alopecia androgenetica, infatti, viene indotta dall’azione degli ormoni androgeni su soggetti geneticamente predisposti. La predisposizione genetica si identifica nel corredo enzimatico follicolare deputato alla captazione e conversione degli androgeni, in particolare la citocromo P450-aromatasi, la 3ß HSD, la 17ß HSD, il recettore citosolico degli androgeni e soprattutto l’enzima 5a-reduttasi.

La teoria di Ludwig è avvalorata dall’osservazione che gli eunuchi, in cui il Testosterone è assente, non diventano mai calvi e negli pseudoermafroditi, in cui è assente la 5a-reduttasi, si produce solo un semplice arretramento della linea frontale nel periodo postpuberale. L’alopecia androgenetica si presenta clinicamente in modo diverso nei due sessi. Nell’uomo insorge dopo la pubertà e si manifesta con un arretramento della linea frontale e lo sviluppo di un’area diradata a livello del vertice. Nella donna ha un esordio più tardivo, una progressione molto più lenta e si presenta con un diradamento ovalare diffuso nell’area centrale del cuoio capelluto subito dietro una frangia frontale. La conservazione dell’attaccatura frontale è un’altra differenza fenotipica nei due sessi.

Queste differenti presentazioni cliniche nei pattern maschile e femminile possono essere spiegate con i differenti livelli e localizzazioni dei recettori e degli enzimi convertitori ormonali presenti sul cuoio capelluto di uomini e donne. Il paziente che si accorge di andare incontro a calvizie, dovrebbe iniziare a curare i propri capelli precocemente, quando ancora sono presenti. La terapia medica mira infatti a conservare i capelli ancora presenti sul cuoio capelluto anche se un parziale recupero è possibile in molti casi.

Il primo passo verso il successo terapeutico è una visita medica accurata che permetta di giungere ad una precisa diagnosi. Questo, anche se apparentemente potrebbe sembrare semplice, in realtà richiede delle valutazioni specifiche e non è raro pensare di trovarsi davanti ad una alopecia androgenetica e concludere la visita con una diagnosi completamente differente. La terapia è lunga e sarà impostata con il supporto della visita tricologica, una foto ed esami periodici per valutarne l’efficacia e monitorare il paziente.

Il gold standard nel trattamento dell’alopecia androgenetica è rappresentato da due molecole: Finasteride e Minoxidil. La prima è utilizzata nella terapia dell’ipertrofia prostatica, agisce inibendo la 5a-reduttasi e si assume per via orale. La seconda viene utilizzata come vasodilatatore nell’ipertensione arteriosa, non è attualmente noto il meccanismo d’azione nella terapia della calvizie e si applica sul cuoio capelluto sotto forma di lozioni. Se adeguatamente prescritti, dopo una completa valutazione fisica e psichica del paziente, questi sono farmaci assolutamente sicuri con effetti collaterali quasi nulli e comunque tranquillamente gestibili. In realtà l’armamentario terapeutico di cui oggi disponiamo è molto più ampio comprendendo numerose altre molecole e metodiche che vanno scelte e utilizzate a seconda della condizione clinica e della compliance del paziente, fattore spesso limitante.

Ma cosa ci si deve aspettare da una terapia medica ben condotta e tempestivamente instaurata?

L’obiettivo è un notevole rallentamento della perdita dei capelli anche se è ormai opinione diffusa che la caduta possa essere arrestata e addirittura invertita con una ricrescita talora anche importante.


 

Dott. Antonio Soverina

Scienze Tricologiche Mediche e Chirurgiche
Medicina Estetica ed Anti-Age
www.tricologiamedicochirurgica.com

Ultimi articoli

Tavola Rotonda: Pillole di prevenzione e cura – Sorrisi della Salute  Amelia, sabato 27 gennaio ore 18:00

Tavola Rotonda: Pillole di prevenzione e cura – Sorrisi della Salute Amelia, sabato 27 gennaio ore 18:00

Tavola Rotonda Pillole di prevenzione e cura – Sorrisi della Salute Amelia, sabato 27 gennaio ... Leggi Tutto
Vinciamo i disturbi alimentari - 5 marzo - Partecipazione SIME

Vinciamo i disturbi alimentari – 5 marzo – Partecipazione SIME

Si è appena conclusa, presso la Camera dei Deputati Palazzo San Mancuso, l'iniziativa promossa dalla Commissione ... Leggi Tutto
Addio a Alberto Massirone

Addio a Alberto Massirone

Con grande dolore e tristezza apprendiamo della scomparsa del prof. Alberto Massirone. Uomo di enorme ... Leggi Tutto
Addio a Giuseppe Spizzirri Marzo

Addio a Giuseppe Spizzirri Marzo

È con profondo dolore che vi diamo la notizia della scomparsa del Dottor Giuseppe Spizzirri ... Leggi Tutto
Rassegna Stampa - Giornata Nazionale della Medicina Estetica sociale

Rassegna Stampa – Giornata Nazionale della Medicina Estetica sociale

La SIME ha istituito con il Patrocinio del Ministero della Salute e la collaborazione della ... Leggi Tutto
X