News

Chiedi a un Medico Sime: risponde la Dr.ssa Rosanna Catizzone

DOMANDA:

Ho i primi segni sul viso: un codice a barre fra labbra e naso. Si può fare qualcosa?

 

RISPOSTA:

Possiamo offrire un ventaglio di terapie a chi chiede il trattamento del codice a barre, cioè delle rughe che si manifestano nella zona tra il labbro superiore e il naso in forma più o meno lieve. Premesso che la scelta terapeutica dipende da un accurato check-up cutaneo e da una corretta diagnosi, la prima mossa è individuare e gestire le cause: nel caso del fumo di sigarette è indispensabile invitare il soggetto a smettere di fumare anche nell’ottica di prevenire l’invecchiamento generale. Oppure potrebbe trattarsi di una protesi o di impianti dentali inadeguati che vanno rivisti. Oppure potrebbe essere il naturale processo di cronoaging (invecchiamento legato al passare del tempo). Indispensabile consigliare una cosmesi adatta con prodotti specifici per il contorno della bocca o leggermente esfolianti. Nel caso di rughe sottili e molto superficiali potrebbe essere opportuno proporre al paziente peeling a base di agenti chimici per accelerare il rinnovamento cellulare. Si possono effettuare, inoltre, biostimolazioni cutanee con principi attivi in grado di stimolare le cellule del derma e restituire idratazione profonda. A questo stesso scopo si usano i fili di biostimolazione. Per le rughe più profonde è indicato il filler che è un riempitivo, generalmente a base di acido ialuronico, nella sua formulazione più idonea. Molto indicata può essere, in alcuni casi, la radiofrequenza frazionata, il trattamento con il laser frazionato o a CO2 o il trattamento di plasmaexeresi. Sono frequenti anche le combinazioni terapeutiche per ottimizzare i risultati. Ecco descritte rapidamente le strategie di azione di cui dispone la medicina estetica per risolvere un’inestetismo frequente e male accettato.

 

DOMANDA:

Da anni sono tentata di consultare un medico estetico, perché la gravidanza mi ha lasciato smagliature e ritenzione. C’è rimedio?

 

RISPOSTA:

Smagliature e Ritenzione idrica sono molto spesso eredità delle gravidanze. Le smagliature consistono in una lacerazione delle fibre collagene per l’aumento del volume e del peso corporeo. Durante o subito dopo la gravidanza si manifestano principalmente sull’addome, i fianchi, il seno. È possibile che ci sia una predisposizione genetica vista la maggiore incidenza tra membri dello stesso nucleo familiare. Si distinguono in strie rubre, quelle di recente insorgenza, più facili da curare e in strie albe che sono bianche perlacee e di difficile gestione. La sfida posta dalle smagliature è sempre attuale per la medicina estetica che tuttavia, di recente, registra maggiori successi  terapeutici. Tra le tecniche vincenti la Carbossiterapia che consiste nella somministrazione sottocutanea di un gas che stimola il microcirclolo cutaneo. Si ottengono notevoli risultati anche con la biodermogenesi che utilizza onde elettromagnetiche per determinare la rigenerazione cutanea. Un’ altra terapia, più invasiva, è il needling, che consiste in una serie di aghi che scorrono sulla pelle tramite un rullo; questa metodica similmente alla più datata microdermiabrasione, è più traumatica e dolorosa. Ancora una volta il laser può essere utilizzato con successo.

La ritenzione idrica, legata alle alterazioni ormonali proprie della gravidanza e ai problemi di circolazione venosa e stasi linfatica che, durante i mesi della gestazione, affliggono le donne, può essere curata con successo partendo da uno stile di vita salutista che prevede attività fisica e corretta alimentazione. Sono molto utile il linfodrenaggio manuale e l’endermologie. Le tecniche ambulatoriali sono la mesoterapia e la Carbossiterapia. In conclusione è necessario sottolineare che  è la costanza, con cui il paziente segue il programma proposto dal medico, a garantire il successo della terapie.”

Per saperne di più sulla Dottoressa Catizzone, potete visitare la sezione Trova un Medico, su questo sito.

Ultimi articoli

La Dr.ssa Linda Colaprice risponde al Questionario del Dr. Proust

La Dr.ssa Linda Colaprice risponde al Questionario del Dr. Proust

Il tratto principale del tuo carattere? DETERMINAZIONE, NON RISULTARE INVADENTE Qual è la qualità che ... Leggi Tutto
Il Dr. Luca Apollini risponde al Questionario del Dr. Proust

Il Dr. Luca Apollini risponde al Questionario del Dr. Proust

Il tratto principale del tuo carattere? DETERMINAZIONE Qual è la qualità che apprezzi in un ... Leggi Tutto
Cerreoni Lorenzo

Il Dr. Lorenzo Cerreoni risponde al Questionario del Dr. Proust

Il tratto principale del tuo carattere? LA TENACIA E LA PERSEVERANZA NEL RAGGIUNGERE GLI OBIETTIVI ... Leggi Tutto
Intervista Etica: risponde la Dr.ssa Gloria Trocchi

Intervista Etica: risponde la Dr.ssa Gloria Trocchi

QUANDO HA DECISO CHE SAREBBE DIVENTATA UN MEDICO? Fin da piccola pensavo che mi sarebbe ... Leggi Tutto
Intervista Etica: risponde la Dr.ssa Katia Caccamo

Intervista Etica: risponde la Dr.ssa Katia Caccamo

QUANDO HA DECISO CHE SAREBBE DIVENTATA UN MEDICO? Ho deciso di diventare medico in adolescenza ... Leggi Tutto
X