Menu
Lunedì, 26 Giugno 2017 10:36

Odontoiatri e Medicina Estetica: Riscontro del Ministero della Salute all'esposto inviato il 21 giugno 2017

Scritto da  Società Italiana di Medicina Estetica (SIME)
Vota questo articolo
(0 Voti)

La SIME, attraverso il Collegio Italiano delle Società Scientifiche di Medicina Estetica, come indicato nella precedente comunicazione ha trasmesso un esposto formale al Ministero della Salute, al Consiglio Superiore di Sanità, alla Fnomceo ed all’Ordine dei Medici di Roma per segnalare che in data 21 giugno 2017 presso la sede dell’Ordine Provinciale dei Medici Chirurghi ed Odontoiatri di Roma, si sarebbe tenuto un evento intitolato “La Medicina Estetica in Odontoiatria” teso alla formazione specifica dell’odontoiatra in possesso del titolo ex L. L.408/85, nell’esecuzione di trattamenti di Medicina Estetica.

In data 23 giugno 2017 il Ministero della Salute attraverso la Direzione Generale delle Professioni Sanitarie ha riscontrato il nostro esposto indicando che:

- la Direzione Generale del Ministero si era prontamente attivata presso la Fnomceo, presso la CAO e presso l’Ordine dei Medici di Roma per chiedere chiarimenti sull’iniziativa segnalata

- il 22 Giugno la Fnomceo ha comunicato al Ministero:

  - che l’evento del 21.06 è stato annullato per iniziativa dell’Ordine dei Medici di Roma

  - che nel merito della questione Fnomceo ha sempre evidenziato agli Ordini Provinciali e alle Commissioni per gli iscritti all’albo degli odontoiatri la necessità di attenersi al Parere del Consiglio Superiore di Sanità del 15.07.2014

Lieti di questa ulteriore conferma dell’orientamento istituzionale sulla questione ricordiamo che il parere del Consiglio Superiore di Sanità ha indicato precisi limiti per la pratica delle attività di Medicina Estetica da parte del laureato in Odontoiatra che ricordiamo sono:

1.  limitatamente all’area anatomica di competenza odontoiatrica (confine labiale come sancito dal parere CSS) 

2. per trattamenti esclusivamente correlati alle cure odontoiatriche in un protocollo ampio e completo tale da rendere la cura estetica correlata e non esclusiva

3. può intervenire con device e farmaci immessi in commercio per il trattamento dell’area anatomica odontoiatrica

 

Scarica il parere del consiglio superiore di sanità del 15.07.2014

SEZIONI

CONGRESSO SIME

EDITRICE SALUS

ALTRE INFORMAZIONI

FOLLOW US