Menu
Lunedì, 11 Aprile 2016 12:02

Studio Sperimentale su Filler a base di Acido Ialuronico in associazione a Tossina Botulinica

Scritto da  dott.ssa Loredana Cavalieri
Vota questo articolo
(2 Voti)

Studio sperimentale sulla percentuale di degradazione dei filler a base di Acido Ialuronico in associazione con la Tossina Botulinica tipo A

Ismail Küçüker, Ibrahim Alper Aksakal, Ahmet Veysel Polat, Murat Sinan Engin, Engi Yosma, Ahmet Demir 

Plast. Reconstr. Surg. 13:109, 2016

E’ ben noto che le caratteristiche intrinseche di un filler a base di acido ialuronico sono correlate alla sua concentrazione e al numero dei legami (cross-linkage) intramolecolari.(3)

Queste caratteristiche ne  stabiliscono la durata, la stabilità, il grado di fluidità, la diluizione e il riassorbimento. Oltre alle proprietà intrinseche, il traumatismo derivante dalla contrazione muscolare dell’area in cui è iniettato il filler, è uno dei principali fattori esterni che influenzano il grado di riassorbimento. In letteratura si trovano numerosi studi clinici che riportano come l’associazione di Tossina Botulinica e filler a base di acido ialuronico prolunghino i risultati estetici ottenuti nel trattamento di ritidosi di alcune aree. Ma, fino ad ora, non erano stati pubblicati studi che ne determinassero oggettivamente i risultati. (1,2,4)

Questo gruppo di autori ha portato avanti uno studio, approvato dall’Institutional Ethics Committee for Animal Studies, in cui sono stati coinvolti 8 conigli maschi (New Zealand White) di peso da 1,5 a 2 Kg. I conigli sono stati tenuti in laboratorio con libero accesso a cibo e acqua e le infiltrazioni sono state condotte sotto anestesia. L’area di trattamento prescelta è stata individuata in quella parte dello scalpo corrispondente al muscolo auricolare anteriore. Nei conigli questo muscolo permette il movimento delle orecchie in senso verticale. La scelta è ricaduta su questa zona anatomica in quanto i due muscoli decorrono simmetricamente ai due lati della linea mediana mimando l’azione dei corrugatori, inoltre il tono della cute sovrastante è molto simile a quello della cute glabellare nell’uomo.(5)  In un primo tempo è stato infiltrato con 2,5 U di neurotossina botulinica tipo A solo un lato, successivamente, una volta ottenuta la paralisi del muscolo clinicamente rilevabile con la caduta verso il basso dell’orecchio del coniglio, 0,5cc di filler contenente 20mg/ml di acido ialuronico sono stati infiltrate sulla parte mediale del muscolo auricolare anteriore bilateralmente.

Una misurazione dei volumi di filler applicato è stata effettuata mediante Risonanza Magnetica Nucleare effettuata due giorni dopo e tre mesi dopo.(6) Si è visto che nella prima rilevazione i volumi iniziali del filler si aggiravano attorno ai 0,61cm³ su entrambi i lati. Dopo tre mesi il volume dell’area trattata con solo filler era di 0,28cm³ e di quella trattata con tossina botulina era di 0,42cm³.

Attraverso questo studio gli autori hanno rilevato una misurazione oggettiva del grado di riassorbimento del filler di acido ialuronico mediante la risonanza magnetica nucleare dimostrando che l’associazione del filler con tossina botulinica tipo A determina una riduzione della degradazione del filler stesso pari al 42% e un aumento del volume rimanente alla fine del periodo di paralisi indotta dalla neurotossina pari al 50%.

 

Bibliografia:

1. Carruthers J, Carruthers A. A prospective, randomized, parallel group study analyzing the effect of BTX-A (Botox) and nonanimal sourced hyaluronic acid (NASHA, Restylane) in combination compared with NASHA (Restylane) alone in severe glabellar rhytides in adult female subjects: Treatment of severe glabellar rhytides with a hyaluronic acid derivative compared with the derivative and BTX-A. Dermatol Surg. 2003;29:802–809.

2. Dubina M, Tung R, Bolotin D, et al. Treatment of forehead/ glabellar rhytide complex with combination botulinum toxin a and hyaluronic acid versus botulinum toxin A injection alone: A split-face, rater-blinded, randomized control trial. J Cosmet Dermatol. 2013;12:261–266. 

3. Carruthers JD, Glogau RG, Blitzer A; Facial Aesthetics Consensus Group Faculty. Advances in facial rejuvenation: Botulinum toxin type a, hyaluronic acid dermal fillers, and combination therapies. Consensus recommendations. Plast Reconstr Surg. 2008;121(Suppl):5S–30S; quiz 31S. 

4. Berros P, Tsirbas A, Garcia P, Farhi D, Bétis F, Galatoire O. Oculofacial contour asymmetries: Management of combined treatment with hyalurostructure and botulinum toxin injections. J Cosmet Laser Ther. 2012;14:111–116. 

5. Bulam H, Ayhan S, Sezgin B, et al. The inhibitory effect of platelet-rich plasma on botulinum toxin type-A: An experimental study in rabbits. Aesthetic Plast Surg. 2015;39:134–140.

6. Ozlem Nisbet H, Ozak A, Yardimci C, et al. Evaluation of bee venom and hyaluronic acid in the intra-articular treatment of osteoarthritis in an experimental rabbit model. Res Vet Sci. 2012;93:488–493.

SEZIONI

CONGRESSO SIME

ALTRE INFORMAZIONI

FOLLOW US